2012 – Riva del Garda – Antica viabilitĂ 

ANTICA VIABILITA’
Il sentiero che univa Riva del Garda con il Bresciano

SCUOLA

Istituto Comprensivo Riva 2 “Luigi Pizzini” | Scuola Media “S. Sighele” di Riva del Garda | Via A. Martini 32, 38066 Riva del Garda | recapito telefonico scuola: 0464.552170

INSEGNANTI REFERENTI

Prof.ssa Alessandra Righi | matematica/scienza

GRUPPO DI LAVORO

Prof.ssa Enrica Peroni | educazione fisica

DESTINATARI

Alunni delle seconde classi frequentanti le ore opzionali

AREA D’INDAGINE

La Pinza: la via ai monti di Riva

PERCORSO EDUCATIVO

Il progetto è il frutto di una felice collaborazione tra il Museo Alto Garda e la Sat-sezione di Riva del Garda. Il primo compito dei ragazzi è stato quello di raccogliere informazioni, di tipo naturalistico e storico, sul sentiero che da Riva del Garda, conduce a Campi, passando per San Giovanni e la Pinza, un’antica via di comunicazione tra la sponda settentrionale del Lago, le Giudicarie e la Lombardia. Questo percorso era una via di comunicazione attraversata da commercianti, artigiani, pellegrini e viandanti che ha permesso per secoli il contatto e lo scambio di merci e idee tra persone di territori diversi.
Fin dalla prima lezione, le attività si sono svolte fuori dall’aula, con la classe immersa nel paesaggio, per osservare “da lontano e da vicino” i luoghi d’interesse del progetto. Guidati da una esperta in botanica, i ragazzi hanno imparato a riconoscere il tipo di vegetazione presente sul versante della montagna su cui si inerpica il sentiero, basandosi sulle macchie di colore rilevabili. Ai sopralluoghi, sono seguiti dei momenti di approfondimento sugli aspetti naturalistici attraverso l’osservazione dei campioni raccolti e la strutturazione di schede per l’identificazione delle principali essenze botaniche.
Un momento importante del progetto è stato la visita al Museo Alto Garda per osservare un grande dipinto raffigurante la partenza del generale francese Vendome da Riva del Garda nel 1705: questa è stata l’occasione per ricostruire alcuni aspetti della storia del territorio scoprendo come il paesaggio e l’ambiente siano cambiati lungo la storia.
La curiosità di ripercorrere quei luoghi appena osservati nella rappresentazione pittorica ha condotto la classe sul sentiero della Pinza, dove con macchine fotografiche e block notes alla mano sono stati indagati sia gli aspetti naturali che storici. Rimanevano però ancora degli interrogativi riguardanti soprattutto alcune opere dell’uomo che, secondo i ragazzi, racchiudevano antichi significati. La conoscenza e la disponibilità di un archeologo ha offerto interessanti chiavi di lettura sulla storia antica del sentiero. La parte conclusiva del progetto è stata dedicata alla riscoperta delle antiche tradizioni del territorio: una speciale guida ha immerso la classe nei “luoghi dei nonni e bisnonni”, facendo conoscere gli antichi ritmi di vita scanditi dall’alternarsi delle stagioni, dai cicli delle fioriture e delle nascite degli animali e dal lavoro nei campi. Passeggiando nei cortili dei “casoni”, addentrandosi nelle cantine colme di antichi arnesi da lavoro e nei portici a volta delle case rurali, i ragazzi hanno potuto avvicinarsi alle tradizionali usanze del loro territorio.
Come chiusura del progetto, la classe ha esposto ai partecipanti di una escursione organizzata dalla Sat di Riva del Garda le conoscenze raccolte richiamando l’attenzione di un gruppo di persone sulle bellezze naturali e sui piccoli tesori che il territorio gardesano conserva con molta cura.

PRODOTTO FINALE

Costruzione di un itinerario naturalistico e culturale che gli allievi presentano ad un gruppo in occasione di un’escursione organizzata dalla SAT (Società degli Alpinisti Trentini).